Cosa puoi chiederci

Una risposta personalizzata per ogni esigenza

 

Tutto ciò che riguarda la progettazione di strutture d’acciaio, serramentistica, facciate e qualsiasi complemento d’edilizia. Troveremo la soluzione più personalizzata e performante per rendere il tuo edificio uno spazio unico e aderente alle tue reali necessità.

 


 

Progettiamo, produciamo e posiamo:

  • FACCIATE CONTINUE
  • LUCERNARI
  • PARAPETTI
  • PARETI MOBILI DIVISORIE
  • PORTONCINI D’INGRESSO E INDUSTRIALI
  • RIVESTIMENTI DI FACCIATA
  • SERRAMENTI PRIVATI E INDUSTRIALI
  • INFERRIATE DI SICUREZZA
  • STRUTTURE IN FERRO E ACCIAIO INOX

Certificazione energetica

Attraverso i nostri serramenti certificati è possibile ottenere la detrazione fiscale del 65% per interventi che consentono di ridurre le dispersioni termiche.

PERMEABILITA' ALL’ARIA
(SECONDO EN 1026 E UNI/EN 12207)

E’ la caratteristica di una finestra chiusa di lasciare filtrare aria nel caso di una differenza di pressione tra l’interno e l’esterno. 
La classificazione viene valutata secondo la norma UNI EN 12207, che prevede quattro classi di prestazione (1,2,3,4). 
Con questa prova si valuta, dunque, gli spifferi che entrano dal serramento.

RESISTENZA AL CARICO DEL VENTO 
(SECONDO EN 12211 E UNI/EN 12210)

E’ la caratteristica di una finestra chiusa di lasciare filtrare aria nel caso di una differenza di pressione tra l’interno e l’esterno.
La classificazione viene valutata secondo la norma UNI EN 12207, che prevede quattro classi di prestazione (1,2,3,4).
Con questa prova si valuta, dunque, la tenuta dei serramenti a forti colpi di vento.

TENUTA ALL’ACQUA
 (SECONDO EN 1027 E UNI/EN 12208)

E’ la capacità di impedire infiltrazioni d’acqua sotto l’azione di una pressione differenziale tra interno ed esterno analoga a quella della prova di permeabilità all’aria.
Ciò è stabilito dalla norma UNI EN 12208 che prevede nove classi raggiungibili dal serramento abbinate alla lettera A corrispondente al metodo (1A,2A,3A,..,9A).
Con questa prova si valuta, dunque,  la tenuta del serramento a forti acquazzoni.

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI
 (UNI EN ISO 10077/1)

Il coefficiente di trasmittanza termica (UW) indica quanta energia (calore/refrigerazione) disperde il serramento attraverso la sua superficie.
Per la sua determinazione si usa un coefficiente che si esprime in [W/m2K].
L’entità di tale numero è direttamente proporzionale alla dispersione di calore che si ha attraverso il serramento.
Ogni singolo comune e stato associato ad una determinata zona climatica (DPR n. 412 del 26 agosto 1993) in funzione dei Gradi Giorno.

RESISTENZA AL VENTO DEI SISTEMI OSCURANTI 
(UNI EN 13659 - UNI EN 1932)

E’ la capacità dei sistemi oscuranti sottoposti a forti pressioni e depressioni, come quelle causate dal vento, di conservare le loro proprietà e di salvaguardare la sicurezza degli utenti.
A seguito dell’applicazione dei carichi di vento previsti, non devono essere riscontrabili rotture o degradi pericolosi per l’utente finale, quali (ad esempio) la fuoriuscita dei dispositivi di bloccaggio.
Le pressioni che vengono applicate sul prodotto dipendono fortemente dalla resistenza che il prodotto, nel complesso di materiali che lo compongono ed accessori, è in grado di offrire.
Inoltre, durante l’effettuazione del test di resistenza ai carichi del vento, si effettuerà anche la prova di misurazione dello sforzo di manovra, che prevede la rilevazione della forza necessaria alla messa in movimento dell’anta (sia in estensione che in ritiro) dopo ogni colpo di pressione al vento.

Sostituzione degli infissi: detrazione e agevolazioni fiscali 2018

 

Grazie alla nuova legge di stabilità 2017 che ha prorogato la possibilità di detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, è possibile detrarre interventi sull’involucro degli edifici, fra i quali rientra la sostituzione degli infissi.

 

La sostituzione dei serramenti di un’abitazione garantisce maggiore comfort, un sostanziale miglioramento termico e una diminuzione delle dispersioni, in particolar modo se vengono utilizzati infissi a risparmio energetico come quelli a taglio termico.

 

Le condizioni per poter usufruire della detrazione

L’agevolazione fiscale è concessa solo qualora siano rispettate determinate condizioni. Le condizioni per usufruire della detrazione fiscale sono le seguenti:

  • la sostituzione degli infissi deve riguardare edifici esistenti, oppure in corso di costruzione;
  • la sostituzione degli infissi esistenti deve necessariamente aumentare il livello di efficienza energetica con un complessivo miglioramento termico dell’abitazione;
  • gli infissi devono delimitare il volume riscaldato, quindi infissi verso l’esterno o verso locali non riscaldati;
  • i nuovi infissi devono rispettare i requisiti di trasmittanza definiti dal Decreto 26 Gennaio 2010.

 

Si possono anche detrarre le spese per la sostituzione dei portoni di ingresso a patto che rispettino gli stessi requisiti di trasmittanza imposti per gli infissi e siano rivolti verso volumi non riscaldati. Si possono detrarre anche tutte le strutture accessorie agli infissi: scuri, persiane, cassonetti con le tapparelle incorporati al serramento.

In cosa consiste l’agevolazione fiscale

L’agevolazione riguarda la detrazione delle spese sostenute dall’IRPEF (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall’IRES (Imposta sul reddito delle società). L’importo della detrazione va ripartito in dieci rate annuali di pari importo.

 

La percentuale di detrazione per le spese sostenute è del 65% per le spese dal 6 giugno 2013 al  31 dicembre 2018, mentre per le singole unità immobiliari passa al 50% dopo il 1 gennaio 2018.

 

Indipendentemente dall’inizio dei lavori per l’applicazione dell’aliquota corretta occorre far riferimento alla data del pagamento (per le persone fisiche, esercenti arti e professioni e gli enti non commerciali) o alla data di ultimazione della prestazione per le imprese individuali, le società e gli enti commerciali.

 

Per la sostituzione degli infissi la detrazione ha un tetto massimo di 60.000 euro.

 

La detrazione non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali, quali ad esempio quelle previste per la ristrutturazione edilizia.

 

Chi può usufruire della detrazione fiscale

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa (società di persone, società di capitali) che possiedono l’immobile, le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni, le associazioni tra professionisti, enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, i titolari di un diritto reale sull’edificio, i condomini per le parti comuni, gli inquilini, coloro che hanno l’unità immobiliare in comodato d’uso, i familiari conviventi con il possessore dell’immobile oggetto di intervento che sostengono e compartecipano alla spesa per i lavori (se l’immobile non è strumentale all’attività di impresa).

Per maggiori informazioni sulla riqualificazione energetica è possibile consultare la scheda sul sito dell’Agenzia delle Entrate.